quotes
A Parma: Il monastero di San Giovanni Evangelista fra Arte e Spiritualità

quotes
A Parma: Il monastero di San Giovanni Evangelista fra Arte e Spiritualità

La lunga storia del  monastero di San Giovanni Evangelista in Parma, le cui origini datano al  X secolo,  con l’ingresso nella Congregazione di Santa Giustina nel 1477 fu caratterizzata  dall’esordio  di un rinnovato splendore.

Ne sarebbe seguita la ristrutturazione completa dei suoi edifici: in pochi decenni di straordinario sforzo edilizio i monaci neri di Parma realizzarono la nuova fabbrica del monastero impegnando nei lavori i migliori artisti e artigiani disponibili. Un intenso fervore di lavori  coinvolse l’impianto architettonico, si pensi alla rinnovata sala della Biblioteca storica, realizzata nel 1523, l’apparato pittorico e scultoreo. Il rinnovamento, fedele alle  esigenze spirituali e culturali del monastero, era sostenuto dall’assiduo impegno dei monaci. La valorizzazione culturale, congiunta alla preghiera,  stava d’altro canto alla base  del pensiero benedettino. L'esercizio delle arti, giova ricordarlo, rientrava negli instrumenta elencati dalla Regola benedettina ( cap. IV), ove veniva predicato l’otium laboriosum quale rimedio al taedium. Già a partire  dal XIII secolo Edmondo di Abingdon si pronunciava così: "Nunc lege, nunc ora. / Sacra vel in arte labora. / Sic erit hora brevis / et labor ipse levis"[1]

L'‘otium monasticum,’ come argomentato  da Leclercq,[2] era funzionale alla progettazione  dell’’ars  sacra, ovvero la creazione artistica.

Ab antiquo  i temi dell’arte monastica raffigurati nelle opere d’arte, in  larga misura illustrati dai monaci in alcuni scritti, privilegiavano gli episodi biblici  riferiti in prevalenza al Paradiso, alla rivelazione di Dio a Ezechiele,  Isaia e altri profeti o alla Gerusalemme del cielo richiamata  dal libro dell’Apocalisse. 

Già  sullo scorcio di fine del Quattrocento e primo Cinquecento fra le mura del monastero, nei chiostri e all’interno dell’abbazia era operosa una ricca officina che annoverava al proprio interno gli artisti più famosi dell’epoca: fra i pittori ricordiamo Antonio Allegri, il Correggio, ( 1489 – 1530) Francesco Mazzola, il Parmigianino, (1503- 1540), i cui affreschi rendono la chiesa di San Giovanni Evangelista un unicum, ben noto nel mondo.

Sarebbe lungo enumerare in queste brevi note i capolavori custoditi nel cenobio parmense, che sarà gradita cura  mostrare ai visitatori che sceglieranno di aderire alla bella iniziativa  Monasteri aperti.

Ciò che preme qui sottolineare è l’unitarietà d’intenti dei padri benedettini nel  patronage  diretto delle imprese artistiche, le cui proposte iconografiche  condivise con gli artisti  incaricati, rispecchiano gli indirizzi della civiltà cassinese; la cui  specificità teologica era  ancorata ai dati biblici e patristici associati ai testi classici.

Tanto emerge nelle affascinanti  decorazioni giovannee: si ricorda qui il fregio delle Profezie che scorre lungo la navata centrale della chiesa benedettina. L’affresco, svolto dal Correggio con la collaborazione di F. M. Rondani (1519-1523) traduce il significato profondo della stretta relazione, sul medesimo piano, dei differenti credo religiosi : cristiano, ebraico, pagano.

Il Monastero di San Giovanni vive oggi una stagione di rinascita e valorizzazione; prima testimonianza, l’autunno passato, è stata la  realizzazione del restauro di una porzione dell’affresco  con Profeti e Sibille  prima menzionato, i cui esiti hanno messo in luce con la piena autografia di Correggio alcune importanti novità storico-artistiche.

Approfondimento a cura della Dott.sss Maria Cristina Chiusa

 

[1] Si veda M.C. Chiusa, Parole e immagini  nei fregi benedettini . A  Parma: il Fregio delle Profezie in San Giovanni Evangelista, in corso di stampa; C.H. Lawrence, St. Edmund of Abingdon, Oxford 1960, p. 243.
2. J. Leclercq, Umanesimo e cultura monastica, Milano 1989, pp. 143-146; e Idem, Otium Monasticum as a Context for Artistic Creativity, in Monasticism and The Arts, ed. by T.G. Verdon, Syracuse 1984. 

 

avatar Monica Valeri BY: Monica Valeri
Sono appassionata di cammini e viaggi slow. Il mio lavoro è scrivere, comunicare, sviluppare progetti con le comunità ospitanti. In APT sono responsabile del Circuito dei Cammini e vie di pellegrinaggio e del progetto dedicato al Turismo religioso.
Una grande Abbazia urbana da riscoprire: San Pietro dei Padri Benedettini a Modena
La ricostruzione del complesso monastico in sostituzione del precedente edificio...
Monasteri Aperti Emilia Romagna 2021
Ritorna lo straordinario appuntamento con Monasteri Aperti Emilia Romagna che quest'anno...
L' Abbazia di Marola lungo la Via Matildica del Volto Santo
Un luogo di fede millenario circondato dalla bellezza dell'Appennino Reggiano
La Spezieria Monastica del Monastero di San Pietro a Modena
La Spezieria Monastica dell’antica Abbazia dei Padri Benedettini di San Pietro...
Other articles from : blog Monasteri Emilia-Romagna