quotes
Conclusa la 4 edizione di Monasteri Aperti Emilia Romagna

quotes
Due giorni dedicati ad esperienze autentiche ed intime

La quarta edizione dell’appuntamento annuale, in Emilia Romagna, di Monasteri Aperti, che si è svolto il 8 e 9 ottobre scorso, conferma il suo andamento positivo anche per questa stagione.

Da Bobbio (Piacenza) a Maiolo (Rimini) sono state oltre 30 le esperienze proposte nei luoghi di culto coinvolti nell’iniziativa che ha registrato una straordinaria partecipazione.

E’ stata una due giorni che ha offerto la possibilità di esperienze autentiche ed intime, andando alla scoperta di Monasteri, Conventi ed Abbazie millenarie, di antiche Pievi, di Eremi e Santuari incastonati nel suggestivo paesaggio appenninico. La riscoperta di antichi complessi conventuali, oggi adibiti ad altro uso e spesso ospitanti importanti collezioni d’arte, o di Palazzi Vescovili, con le loro stanze segrete, e di millenari Battisteri e Cattedrali inseriti in contesti urbani di grande pregio.

L’iniziativa permette il dialogo e l’incontro diretto con frati, suore e monache clarisse, di conoscere i loro luoghi della vita quotidiana, con gli orti, i chiostri dei complessi e le antiche spezierie conventuali, il cui accesso è spesso limitato.

Tante le opportunità. Si è potuto inoltre partecipare a concerti di musica sacra con antichi organi eseguiti da illustri maestri, alcune pièce teatrali dedicate a figure illustri come Matilde di Canossa, di degustare antiche ricette monastiche e pellegrine all’interno dei refettori ma anche di camminare verso suggestivi luoghi di fede, come Pievi e Abbazie, lungo alcuni dei Cammini dell’Emilia-Romagna.

Il successo di questa quarta edizione di ‘Monasteri Aperti’ è la conferma di una domanda, forte, di un turismo lento e convivale interessato a conoscere e fare esperienza di realtà autentiche. Questa iniziativa, che valorizza alcuni luoghi di fede e di silenzio alla riscoperta di esperienze religiose, esprime al meglio tutto quello che può offrire da questo punto di vista l’Emilia-Romagna che da tempo è impegnata su questa strada. Va, infatti, in questa direzione l’esperienza avviata dal 2015 per valorizzare i 20 Cammini e Vie di pellegrinaggio emiliano romagnoli.

La quarta edizione di "Monasteri Aperti" è stata promossa da Apt Servizi Emilia-Romagna in collaborazione con la Conferenza Episcopale Emilia Romagna, le Diocesi, il circuito dei Cammini dell'Emilia Romagna, con l’importante patrocinio dell’Ufficio Nazionale per la Pastorale del tempo libero, turismo e sport della CEI e la collaborazione di Associazioni e Fondazioni ed Enti locali per conoscere e promuovere il patrimonio culturale, storico e religioso del territorio.

Si ringraziano tutti gli aderenti alla iniziativa ed i referenti territoriali che a vari titolo hanno contribiuto alla sua promozione.

avatar Monica Valeri BY: Monica Valeri
Sono appassionata di cammini e viaggi slow. Il mio lavoro è scrivere, comunicare, sviluppare progetti con le comunità ospitanti. In APT sono responsabile del Circuito dei Cammini e vie di pellegrinaggio e del progetto dedicato al Turismo religioso.
Una grande Abbazia urbana da riscoprire: San Pietro dei Padri Benedettini a Modena
La ricostruzione del complesso monastico in sostituzione del precedente edificio...
A Parma: Il monastero di San Giovanni Evangelista fra Arte e Spiritualità
La lunga storia del monastero di San Giovanni Evangelista in Parma
Monasteri Aperti Emilia Romagna 2021
Ritorna lo straordinario appuntamento con Monasteri Aperti Emilia Romagna che quest'anno...
L' Abbazia di Marola lungo la Via Matildica del Volto Santo
Un luogo di fede millenario circondato dalla bellezza dell'Appennino Reggiano
Altri articoli da : diario Monasteri Emilia-Romagna